Aumentano i reati denunciati ed il Piemonte, purtroppo, è in prima fila.

Il Ministero dell’Interno ha fornito i dati relativi al 2013 e, pubblicati sul Sole 24 ore, quei numeri sorprendono per alcuni aspetti. Le denunce in tutta Italia lo scorso anno sono state 2,9 milioni, in aumento del 2,6%, con un incremento notevole di rapine (+6,3%), truffe informatiche (+12%), estorsioni (+20,4%), furti in casa (+6%), borseggi (+12%).

Contro ogni pronostico, la città meno sicura per quanto riguarda i topi d’appartamento è Asti, che nel 2013 ha collezionato un poco invidiabile primato del 44% in più di furti nelle abitazioni, quasi mille ogni 100mila abitanti, in netto vantaggio sui circa 700 di Pavia e Torino.

Piemonte rappresentato nelle statistiche del Viminale anche dal capoluogo: Torino è la quarta peggior città italiana per numero di delitti rapportati agli abitanti, 6.996 reati su 100mila cittadini, quasi 170mila in totale. Nelle altre categorie, Milano, Rimini e Bologna primeggiano, mentre a Napoli resta il record delle rapine, con qusi il quadruplo della media nazionale. Le città più sicure, invece, sono Benevento, Matera e Oristano.